Manchester By The Sea racconta di un uomo (Casey Affleck) che ha perso tutto e che si ritrova a dover fare da tutore al nipote orfano di padre.

La trama è molto semplice, la storia non racconta tantissimo. Ma ogni singolo momento è pieno di emozioni e ricco di vita.C’è poco da recensire in un film del genere. Mi ha emozionato e commosso facendomi trovare in un viaggio, in un vortice di sentimenti da cui difficilmente se ne esce salvi.

MBTS_3869.CR2I due punti di forza del film sono senz’altro la fotografia e la musica: quest’ultima viene usata narrativamente in un modo originale e veramente da premiare; la musica inizia in una scena generica e trasporta piano piano, senza accorgersene, in un culmine appartenente al passato o ad altre scene sconnesse dalla prima. È difficile esprimere in parola scritta la bellezza di un film del genere quindi mi limito ad elogiarlo e consigliarlo a chiunque.

“Se dovessi portare con te una sola persona, un uomo in gamba che ti fa sentire protetto e felice… tra me e tuo padre, chi sceglieresti?”

La recitazione da premio Oscar di Casey Affleck crea delle emozioni inaspettate stravolgendo da un momento all’altro. La forza della sua recitazione è infatti la passività e l’impassibilità con cui reagisce alla sofferenza della vita ormai radicata. Questa forza scaturisce in una vera e propria coltellata non appena nel film viene mostrata la vera storia legata all’uomo.

Delle scene in particolare mi hanno emozionato come mai prima, io raramente mi commuovo con i film e questo mi ha stravolto..

IL MIO VOTO: ♥ ♥ ♥ ♥ ♥ 5/5 

Annunci